TERESA RAGONESI                                                            <<

 Strappare/Vibrare/Rimbalzare/Catturare - Galleria aocf58 - via Flaminia 58, Roma

Tensione e glamour. Ricerca, azione, infine cambiamento. All’insegna di una leggerezza che tanto leggera non è, perché frutto di faticosa conquista, ottenuta con fare spregiudicato e mordace. Potremmo dire corsaro.

Sono infatti autentiche incursioni, quelle di Teresa Ragonesi, nel mondo delle consuetudini. Spesso legate all’universo femminile.

Da tempo l’artista preleva oggetti d’uso quotidiano spezzando i fili restrittivi delle convenzioni per creare trame nuove, libertarie e fantasiose. Spostare i parametri dell’ordinario, aprire varchi destabilizzanti nel contingente, estraniarsi dalle pressioni dei ruoli per giungere a uno smottamento intriso di libertà, di volo e di imprevisto. E’ questo il senso della ricerca.

Ma l’incursione questa volta si fa spregiudicata e intima. "A pelle".

Teresa Ragonesi strappa di dosso reggiseni. E costruisce bianche reti elastiche tese nello spazio, installate nell’aria. Attribuisce valore scultoreo all’intimo, che appende alle reti dopo averne rafforzato le qualità volumetriche, tattili, sensoriali, così da amplificarne la morbida presenza. Ma in senso contundente, da autentico match.

E’ ad un incontro che l’artista ci prepara in questa minacciosa quanto morbida, elastica, candida proliferazione sospesa nell’aria, che dice il vibrare delle emozioni in una rappresentazione carnale. E si lancia alla conquista di nuovi spazi, per irrompere e demistificare con libertà e ironia ogni ipotesi costrittiva.

Grandi sfere leggere poggiano a terra pronte nella lo perfetta definizione a entrare in gioco rimbalzando per interazione dello spettatore, complice di questo strappare, vibrare, rimbalzare, catturare.

E’ dalla provocazione che nasce l’incanto di queste sculture sospese, frammento di una proliferazione infinita, che si insinua, work in progress, nell’intimità delle case come nell’ufficialità delle gallerie e in ogni dove senza esitazione. Per incontrare pensiero coinvolgente, destabilizzante, emozionante che suggerisce un’architettura immaginaria. Abitata dal gesto quotidiano di chi mettendosi in gioco ne sovverte le regole perché sa il piacere inquieto che anima ogni idea di rinascita e ogni volontà di rigenerazione.

Francesca Agostinelli

 

MOSTRE ARTISTI

Ass. Cult. P. Mazzatosta

 

Comune di VITERBO

INCONTRI 1

FOTOVIDEO

INCONTRI 2

FOTO d'arte

 

<< indietro

 

Altre foto >>

Il sito è ottimizzato per Internet Explorer versione 4 o successiva - Risoluzione consigliata 800x600, caratteri medi

Copyright © FOTOVIDEOLAB di Riccardo Spinella - Tutti i diritti riservati - Listino prezzi

 

=---MOTORE---=    di ricerca interno

 - Web Master

 FVL